Imposta di bollo

Chi deve detenere la fattura con imposta di bollo assolta?

L’art. 22 del D.P.R. n. 642/72 prevede l’imputazione in via solidale del mancato assolvimento dell’imposta di bollo. Quindi nel caso in cui la copia della marca venga applicata sulla copia della fattura trattenuta dall'emittente, allora sulla copia in possesso dell'acquirente del servizio sarebbe opportuno venissero riportati gli estremi dell'assolvimento dell'imposta di bollo. Ciò al fine di  avere la possibilità, in caso di verifica, di dimostrare l’assolvimento dell’imposta.

L’importante è che l’imposta venga assolta, da uno delle due parti contraenti, in caso contrario l’Erario può rivalersi su uno dei due.

La norma nulla stabilisce riguardo al tenutario del documento con l’imposta di bollo assolta, così come sull'obbligo di rivalsa.

Quindi anche se per prassi si addebita l'importo dell'imposta di bollo all'acquirente, la norma non prevede la possibilità di rivalsa.

Data del post: 17/12/2012

 

Hai un quesito da sottoporre agli esperti di Consulentia? Inviacelo qui

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del del D.Lg 196/03 *
Copia qui il codice di controllo