Divieto di E-Fatturazione per le prestazioni sanitarie e veterinarie del STS

L'articolo 1, comma 53, della legge 145/2018 introduce il divieto di emissione di fatture elettroniche per le prestazioni erogate nel 2019, i cui dati sono inviati al Sistema tessera sanitaria (Sts) per l’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata. Si tratta, infatti, di un vero e proprio divieto per conformare la normativa alle disposizioni in tema di privacy. Tale divieto riguarda anche le prestazioni a cui il beneficiario abbia opposto il rifiuto per la trasmissione al Sts (articolo 3 del Dm Economia 31 luglio 2015).

A dire il vero tale divieto era già stato introdotto dall'art. 10 bis del D.L. 119/2018, convertito in Legge n. 136 del 17 dicembre 2018.

Il divieto non riguarda le prestazioni sanitarie e veterinarie per cui il soggetto non è tenuto all’invio dei dati al Sts, per il quale resta la fatturazione elettronica. Quindi in definitiva sono esclusi dall’invio al Sistema tessera sanitaria, ad esempio:
le strutture medico-veterinarie organizzate in forma giuridica di società;
quelle che erogano assistenza protesica (sanitarie, officine ortopediche, eccetera) non autorizzate in base all’articolo 8-ter del Dlgs 502/1992;
ospedali, case di cura e di riposo limitatamente alle prestazioni di alloggio e maggior confort.

Le strutture amministrative delle attività sanitarie e veterinarie quindi sono chiamate ad un forte sforzo organizzativo per suddividere le attività, in fase di fatturazione, soggette all'obbligo di comunicazione al STS, per le quali vige il divieto per il 2019 di emissione di E-fattura, e le attività che invece non sono soggette all'obbligo di comunicazione al STS, per le quali vige l'obbligo di E-fatturazione. In un contesto in cui il confine non è sempre netto, fra cessioni soggette ed escluse: l’emissione di fattura analogica e invio al Sts non dovuto potrebbe comportare la violazione di omessa fatturazione.

Tali divieti ed esoneri rendono quindi, molto più complessa ed onerosa la gestione del flusso di fatturazione,  suddiviso fra documenti elettronici e documenti analogici, con forti rischi di errore ed omissioni per i soggetti operanti nell'area della sanità.

Armando Tranquilli

Data del post: 05/01/2019

 

Condividi

Twitter Facebook Google Plus LinkedIn

Vuoi saperne di più su questo argomento? Contatta qui i nostri esperti

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del del D.Lg 196/03 *
Copia qui il codice di controllo