Ravvedimento Operoso Imposta di Registro

Lo strumento del ravvedimento operoso, introdotto con Decreto Legislativo n. 472/97, articolo n. 13, è utilizzabile per sanare irregolarità, che fanno riferimento a tutti i tributi. E' compresa questa possibilità anche per l'imposta di registro correlata a contratti di affitto e comodato su beni immobili.
Tramite questo procedimento  e' possibile sanare quegli errori o omissioni, fatti nella compilazione dei moduli, cosi' come la totale omissione di registrazione o il versamento dell'imposta di registro per il rinnovo in ritardo, pagando sanzioni ridotte.

Mancata registrazione del contratto e mancato pagamento dell'imposta di registro relativa al primo anno
 

Il termine di legge e' di 30 giorni dalla stipula, ed e' possibile mettersi in regola entro un ulteriore termine di 90 giorni, pagando, oltre all'imposta, una sanzione pari ad un decimo della sanzione minima prevista in caso di mancata iscrizione, pari al 120%, con una sanzione quindi ridotta al 12%, oltre agli interessi legali calcolati giorno per giorno, che a decorrere dal 1/1/2011 sono pari all'1,5%.

La regolarizzazione entro un anno dalla scadenza comporta il pagamento di una sanzione pari al 15%, ovvero un ottavo della minima suddetta.
Suddette sanzioni si applicano a violazioni commesse dal 1/2/2011, per effetto delle modifiche apportate dalla Finanziaria 2011. Per violazioni anteriori la sanzione era pari ad un dodicesimo entro 30 giorni ed un decimo entro un anno.

Se si ottempera oltre l'anno la sanzione dovuta e' quella minima intera, ovvero il 120%. La sanzione massima in caso di accertamento e' del 240% dell'imposta dovuta.
Dopo questi versamenti, e comunque entro i termini utili per usufruire del ravvedimento, si dovra' poi chiedere la registrazione del contratto.

Mancato pagamento dell'imposta di registro annuale
Il termine di legge e' di 30 gg dall'inizio della nuova annualita', ed e' possibile effettuare un ritardato pagamento entro ulteriori 30 giorni, pagando una sanzione ridotta pari al 3%, pari ad un decimo della sanzione prevista, pari al 30%, ed entro i dodici mesi pagando una sanzione del  3,75%, pari ad un ottavo della sanzione. Se si procede oltre l'anno, dovra' essere pagata la sanzione intera, ovvero il 30% dell'imposta non versata.
Inoltre dovranno essere liquidati anche gli interessi legali calcolati giorno per giorno (dal 1/1/2011 all'1,5%, prima all'1%).

Anche in questo caso le suddette sanzioni si applicano a violazioni commesse dal 1/2/2011, per effetto delle modifiche apportate dalla Finanziaria 2011. Per violazioni anteriori la sanzione era pari ad un dodicesimo entro 30 giorni ed un decimo entro un anno.


Versamento

I pagamenti potra' essere effettuati utilizzato il modello F23 o il modello F32. I versamenti dell'imposta devono essere fatti unitamente a quelli delle sanzioni e degli interessi, differenziando gli importi a seconda del codice previsto dall'agenzia delle entrate:
- 115T: imposta di registro per contratti locazione, prima annualita';
- 112T: imposta di registro per contratti locazione, annualita' successive;
- 671T: Sanzioni;
- 731T: Interessi.

Sul modulo andra' anche riportato il codice dell'Ufficio del registro territorialmente competente (consultare il sito dell'Agenzia delle Entrate), la causale del versamento, che nel caso di ravvedimento e' "SZ", e l'anno a cui si riferisce la violazione.
A.T.

 

Professionisti specializzati in questo settore

shadow

Studio Dott. Rigoni

pettenasco (NO)
shadow

Rag. Cerra Maurizio

catanzaro (CZ)
shadow

Stefania Grimaldi

Rezzato (BS)
shadow

Dott.ssa Francesca Tranquilli

Fabrica di Roma (VT)

Invia qui il tuo quesito

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del del D.Lg 196/03 *
Copia qui il codice di controllo