Società Inglesi senza Partita Iva

La normativa inglese prevede che per i contribuenti che non superano una determinata soglia di volume d’affari l’esonero dal possesso della partita I.V.A. (“Vat number”), con la conseguenza che la ditta inglese che ha emesso la fattura viene equiparata ad un soggetto privato (e quindi il venir meno in capo alla stessa di tutti gli obblighi e adempimenti previsti dal legislatore britannico in materia di I.V.A.).
Detto ciò, consigliamo di invitare il fornitore ad inviare una documentazione scritta (rilasciata dalla competente Autorità inglese: dovrebbe trattarsi dell’HMRC) dalla quale risulti l’esatta qualificazione fiscale della società inglese, ossia che sia effettivamente esonerata dal possesso di partita I.V.A. proprio per l’appartenenza a questo regime.
Qualora si entri in possesso della suddetta documentazione si dovrà espletare la procedura indicata dalla circolare dell’Agenzia delle Entrate n.36/E del 21.06.2010, ossia emissione di autofattura senza applicazione dell’imposta per documentare contabilmente l’acquisto.
Ricordiamo, a tal proposito, che è onere del committente accertarsi della natura e del regime giuridico a cui appartiene il soggetto che rende il servizio. Se ciò non avviene e si procede ad emettere autofattura, ma con applicazione dell’I.V.A., nonostante l’applicazione del meccanismo del “reverse charge” comporti l’imputazione dell’imposta nella liquidazione periodica sia a debito che a credito, è possibile che l’Amministrazione finanziaria contesti l’errata applicazione del regime del “reverse charge” applicando le relative sanzioni.
Per quanto riguarda, invece, l’adempimento INTRASTAT, il trattamento dell’operazione oggetto del quesito segue lo stesso discorso di cui sopra:
-          Se si è certi che si tratti di un operatore economico UE in regime giuridico di piccole imprese, secondo quanto previsto dalla circolare n.36/E del 2010 le operazioni svolte da parte di un soggetto passivo italiano con tali operatori non si configurano come operazioni intracomunitarie, e quindi non vanno riepilogate;
-          Se non si è certi circa lo status dell’operatore con cui si tratta e si decide di applicare il reverse charge con applicazione dell’IVA, bisognerà comunque accertarsi sul possesso della partita IVA comunitaria dell’operatore, perché in caso di possesso della stessa l’operazione dovrà essere inclusa negli elenchi come operazione intracomunitaria rilevanti ai fini I.V.A.. 

 

Invia qui il tuo quesito

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del del D.Lg 196/03 *
Copia qui il codice di controllo